sacrabibbia
printprintFacebook
 
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Il mistero dell'iniquità

Last Update: 3/12/2018 12:52 PM
2/18/2007 8:59 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 6
Registered in: 7/9/2004
Junior User
OFFLINE

2,1 Ora vi preghiamo, fratelli, riguardo alla venuta del Signore nostro Gesù Cristo e alla nostra riunione con lui, 2 di non lasciarvi così facilmente confondere e turbare, né da pretese ispirazioni, né da parole, né da qualche lettera fatta passare come nostra, quasi che il giorno del Signore sia imminente. 3 Nessuno vi inganni in alcun modo! Prima infatti dovrà avvenire l'apostasia e dovrà esser rivelato l'uomo iniquo, il figlio della perdizione, 4 colui che si contrappone e s'innalza sopra ogni essere che viene detto Dio o è oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio.
5 Non ricordate che, quando ancora ero tra voi, venivo dicendo queste cose? 6 E ora sapete ciò che impedisce la sua manifestazione, che avverrà nella sua ora. 7 Il mistero dell'iniquità è già in atto, ma è necessario che sia tolto di mezzo chi finora lo trattiene. 8 Solo allora sarà rivelato l'empio e il Signore Gesù lo distruggerà con il soffio della sua bocca e lo annienterà all'apparire della sua venuta, l'iniquo, 9 la cui venuta avverrà nella potenza di satana, con ogni specie di portenti, di segni e prodigi menzogneri, 10 e con ogni sorta di empio inganno per quelli che vanno in rovina perché non hanno accolto l'amore della verità per essere salvi. 11 E per questo Dio invia loro una potenza d'inganno perché essi credano alla menzogna 12 e così siano condannati tutti quelli che non hanno creduto alla verità, ma hanno acconsentito all'iniquità


Credo che viviamo in tempi molto difficili, descritti molto bene nella Scrittura sopra riportata, tempi nei quali l’individualismo, che è il principale nemico della comunione predicata dal Cristo, sta prevalendo. Oggi vince il concetto di libertà privata, la presunzione che la giustizia e la libertà possano provenire dall’uomo stesso. Non dobbiamo spaventarci, perché tutto ciò è stato predetto, ma dobbiamo essere molto cauti ed attenti a non farci ingannare anche noi.
La mia riflessione tuttavia è diversa, vorrei entrare in un aspetto specifico, che ho vissuto e sto vivendo come esperienza personale e sul quale vorrei avere il vostro parere.
Da diversi anni ormai sono presente in vari forums, su argomenti di carattere religioso ed in ognuno ho vissuto l’esperienza di una Chiesa cattolica attaccata duramente, sulla sua storia, sulle sue scelte di fede, sulla sua presenza nella società, sulla sua teologia.
Niente di più naturale, rifletto.
C’è un aspetto, tuttavia, che mi ha sempre profondamente rattristato: in ognuno di questi attacchi (anche motivati, sia ben chiaro), la contrapposizione più “virulenta”, più sarcastica, più feroce, più totale, meno disposta al confronto ed al colloquio, è sempre rappresentata da qualche evangelico. Persino atei incalliti, agnostici e anticlericali di professione ogni tanto riconoscono alla CC anche dei meriti, niente invece da parte di questi evangelici; in qualsiasi discussione in atto in cui sia coinvolto un cattolico essi sono sempre dall’altra parte, indipendentemente da chi ci sia, anche quando l’altra parte nega perfino le loro stesse idee e convinzioni.
Non è il caso ovviamente di generalizzare, a fronte di due o tre forumisti di questo genere ce ne sono molti altri (sempre di estrazione evangelica), con i quali il dialogo invece è sereno e corretto, pur nel rispetto della propria identità.
Quello che mi rattrista è la consapevolezza che entrambi parliamo di Gesù Cristo e che ciò che ci unisce è infinitamente più grande e sostanziale di ciò che invece ci divide.
Ho sempre cercato, nei limiti del possibile, di ignorare le provocazioni, i sarcasmi, le battutine di questi soggetti, nella consapevolezza che la presenza di cristiani-contro finisce per svalutare e sminuire Cristo stesso e il suo messaggio; credo cioè che questo comportamento sia di scandalo verso chi è già maldisposto nei confronti di Cristo: “Voi sareste i cristiani? Quale messaggio credibile di pace e di amore vorreste portare se già tra di voi c’è guerra?”.
Ritengo che questo scandalo rappresenti una colpa gravissima per chi si dice cristiano e , per ritornare alla Scrittura citata, tanto più in questo periodo, nel quale la società moderna sta cercando di liberarsi di Cristo e di tutto ciò che suona anche vagamente come “Verità”, “responsabilità”, “impegno”, in un momento cioè in cui il mistero dell’iniquità è fortemente in atto ed occorre un Corpo di Cristo più unito che mai per rispondere con forza e con credibilità.
Voi che ne pensate?
Sandro

------------------
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia (Matteo 5,11)
2/19/2007 1:06 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 10
Registered in: 2/7/2007
Junior User
OFFLINE
Credo che la preghiera possa smuovere le montagne, e che Dio possa come anche nel passato ha continuato a fare suscitare dei "fabbricatori di pace", capaci di lenire le ferite e di guarirci dai ricordi del passato, ma soprattutto capaci di comunicare Dio usando il linguaggio che più comune a tutti.
Io sinceramente Sandro, vivo la tua stessa difficoltà, ma pur avvertendo che esiste questo livello, preferisco non farne a priori un problema confessionale, ma di persone, del loro modo di porsi, e di discutere, del loro modo di rispettare l'altrui persona, virtuale che fosse, ma comunque dietro c'è una persona. Ovviamente poi riconosco che esiste anche una problematica di natura confessionale, e inutile dirselo, vi sono delle verità di fede credute che in qualche modo negano quelle degli altri, e qui il frainteso, il limite nella discussione tra rispetto e prevaricazione e minimo, e suscettibile alle atrui percezioni... Riconosco che la mancanza di unità e di amore nel corpo di Cristo, indebolisce il messaggio del Vangelo, e limita anche la presenza operante dello spirito Santo.
3/12/2018 12:52 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2
Registered in: 1/12/2018
Junior User
OFFLINE
A me piace la storia, la mia fede è la storia, in base a quello che voi avete scritto, in quale periodo storico c'è stato mai un momento di pace e quando l'uomo non fu mai individualista?
La realtà è che non è mai cambiato nulla. Ieri come oggi
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag cloud   [show all]

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 6:37 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com